• /
  • news
  • /
  • Le peggiori vendite di auto di settembre in Europa dal 1995

Le peggiori vendite di auto di settembre in Europa dal 1995


Tags: News

Il peggior settembre degli ultimi anni per quanto riguarda le vendite di auto in Europa. Su base annua, i guadagni dei primi mesi mantengono positivi i volumi accumulati.

La domanda di nuove autovetture nell'Unione Europea è diminuita del 23,1% a settembre e sono state immatricolate 718.598 unità, che rappresenta il numero più basso di immatricolazioni nel mese di settembre dal 1995, secondo i dati dell'Associazione dei Costruttori Europei di Automobili.

Questo calo delle vendite è dovuto in gran parte alla mancanza di fiducia dei consumatori a causa degli effetti della pandemia.


Durante i primi tre mesi del 2021, le immatricolazioni di autovetture nell'UE sono aumentate del 6,6% su base annua, a 7.526.613 unità, poiché i guadagni all'inizio dell'anno hanno contribuito a mantenere positivi i volumi accumulati.

L'italia é la nazione che ha ottenuto piú vendite nel 2021. Per quanto riguarda i maggiori mercati dell'UE, l'Italia infatti ha registrato finora l'aumento maggiore (+ 20,6%), seguita da Spagna (+ 8,8%) e Francia (+ 8%). Al contrario, il mercato automobilistico tedesco è nuovamente sceso dell'1,2%.


Il marchio più venduto in Europa tra gennaio e settembre è stato Volkswagen, con 874.556 unità, che rappresenta una crescita del 7,7%; mentre Peugeot occupa il secondo posto, con 501.074 unità, il 5,1% in più; seguita da Renault, con 475.659 unità, l'11,9% in meno; Toyota, con 456.775 unità, il 20,4% in più, e BMW, con 415.432 unità, l'11,3% in più.

Nel nono mese dell'anno fiscale in corso, anche Volkswagen ha mantenuto la prima posizione nella classifica commerciale, con 71.192 unità, in calo del 24,9%, seguita da Renault, con 52.535 unità, il 27,3% in meno, e Toyota, con 41.147 unità, 21 % meno.

Questo fenomeno sta costringendo a fermare la produzione in numerosi stabilimenti nel mondo, aumentando notevolmente i tempi di consegna e riducendo l'offerta disponibile. Se si vuole acquistare un'auto dunque c'é da aspettare parecchio.

Anche il prezzo delle materie prime e quello dell'energia non aiutano, poiché rendono più costoso l'intero processo logistico, a cui si aggiunge l'incertezza del consumatore nella scelta del tipo di tecnologia più appropriato per la sua nuova auto.




Articoli correlati

L'Europa leader per reciclaggio batterie nei prossimi anni


28/11/2021

L'Europa potrebbe diventare leader nel riciclaggio di batterie per auto elettriche rispetto alla Cina grazie alle rinnovabili.

L'europa potrebbe diventare leader per il reciclaggio di batterie...


Leggi


Volvo prevede di aprire una terza fabbrica in Europa entro il...


16/11/2021

Volvo prevede di aprire una terza fabbrica in Europa entro il 2025. In Volvo hanno fissato l'obiettivo di vendere più di 1,2 milioni di auto all'anno a partire dal 2025.

Volvo aprirá un terzo stabilimento per la produzione di auto elettriche in Europa...


Leggi


Una nuova minaccia incombe sulla produzione automobilistica:...


11/11/2021

Con la Cina epicentro delle tensioni commerciali globali, l'industria automobilistica sta affrontando il susseguirsi di crisi logistiche. L'ultima, una carenza di magnesio proveniente dalla Cina, materia prima fondamentale per la produzione di alluminio.

Per fine novembre le case automobilistiche potrebbero rimanere senza magnesio...


Leggi