• /
  • news
  • /
  • Tutto il mondo è Paese. Oppure no?

Tutto il mondo è Paese. Oppure no?


Tags: Curiosità

In Europa tutto diverso: dalle autostrade 'libere' tedesche agli automobilisti 'spia' svedesi

In Germania, sulle autostrade, si può correre a 300 Km/h in piena legalità. Ma quando ci sono dei limiti, bastano pochi chilometri ricevere multe salate. In Svezia, invece, i cittadini possono segnalare comportamenti scorretti di altri automobilisti tipo non mantenere la distanza di sicurezza.
Insomma, in Europa le norme in fatto di circolazione stradale sono le più disparate.
E gli italiani si trovano spesso spiazzati quando vanno all'Estero. Tipo quando vanno in Slovenja o in Svizzera, dove l'ingresso in autostrada non prevede un pedaggio al casello bensì l'acquisto di una "vignetta", un bollino da applicare al parabrezza tramite l'apposito adesivo.
Attenzione in Austria quando sentiamo un sirena in arrivo: ci sono norme comportamentali precise in questi casi. Si deve accostare il più possibile per permettere ai mezzi di soccorso il passaggio agevole verso la destinazione.
Una specie di corsia centrale è invece prevista in Francia, dove è forte l'attenzione ai motociclisti che hanno quindi modo di bypassare le code in tangenziale grazie allo spazio lasciato fra un'auto e l'altra dagli automobilisti.
Insomma.. tutto il mondo è Paese. Diremmo proprio di no!



Articoli correlati

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA DEL CARBURANTE


01/07/2019

Fatturazione elettronica del Carburante,obbligo dall'ultima legg di bilancio ............


Leggi


Da Toyota arriva e-Palette, vettura che diventa furgone o negozio...


10/01/2018

Totalmente elettrico ed a guida autonoma, vuole ridisegnare il concetto di business

Al CES di Las Vegas sono sempre tante le novità. ...


Leggi


Auto futuristiche: sempre più vicini grazie a ricerche del Mit


09/01/2018

L'italiano Valerio Varricchio tra i protagonisti delle ricerche sulla guida autonoma

Le auto sono sempre più futuristiche ed un contributo importante in questo senso lo sta dando anche l'italiano Valerio Varricchio che collabora da tempo ad una ricerca presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit). ...


Leggi