• /
  • news
  • /
  • Finestrini delle auto, in futuro potrebbero produrre energia green

Finestrini delle auto, in futuro potrebbero produrre energia green


Tags: Curiosità

Dalla conversione dei raggi solari si produce energia elettrica

In un futuro non troppo lontano, è plausibile che i vetri delle automobili saranno dotate di una ecnologia in grado di generare energia elettrica convertendo i raggi solari.
In questo contesto si colloca Sunplus, un particolare vetro che nasce per un uso nell'edilizia ma che potrebbe essere anche applicato nell'automotive.
Presentato da Solaria Corporation, fornitore da sempre di Energia pulita, in sinergia con Pilkington che invece è uno dei piu grandi produttori mondiali di vetro, questo particolare finestrino ha la capacità di fornire una grande luminosità e può generare, appunto, energia elettrica per l'autosostentamento della macchina.
Il prodotto ha superato i rigorosi test di Kiwa Netherlands risultando conforme alle norme di certificazione IEC61215 e IEC61730.

 



Articoli correlati

Da Toyota arriva e-Palette, vettura che diventa furgone o negozio...


10/01/2018

Totalmente elettrico ed a guida autonoma, vuole ridisegnare il concetto di business

Al CES di Las Vegas sono sempre tante le novità. ...


Leggi


Auto futuristiche: sempre più vicini grazie a ricerche del Mit


09/01/2018

L'italiano Valerio Varricchio tra i protagonisti delle ricerche sulla guida autonoma

Le auto sono sempre più futuristiche ed un contributo importante in questo senso lo sta dando anche l'italiano Valerio Varricchio che collabora da tempo ad una ricerca presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit). ...


Leggi


Polizia tedesca presto alla guida della Volskwagen Golf 400R


08/01/2018

Elaborata da Oettinger, tocca i 310 km/h di velocità

Grazie al contributo di Oettinger, la polizia tedesca potrà dotarsi di un vero e proprio bolide per rincorrere i furfanti. Stiamo parlando della Volskwagen Golf 400R, potenziata da alcune migliorie e in grado di arrivare da 0 a 100 km/h in poco meno di 4 secondi....


Leggi