• /
  • news
  • /
  • Bosch in prima linea per la sicurezza e la mobilità su due ruote

Bosch in prima linea per la sicurezza e la mobilità su due ruote


Tags: Curiosità

Obiettivo: un miliardo di fatturato entro il 2020 per moto, scooter ed e-bike

Dirk Hoheisel, figura importante del management di Bosch, ha affermato di recente che i trasporti individuali come quelli rappresentati dalle moto stanno cambiando nel tempo. Sempre Hoheisel, responsabile peraltro del settore Mobility Solutions del colosso tedesco, spiega anche che entro il 2020 è tra le proprie intenzioni quella di arrivare ad un fatturato di un miliardo di euro per quanto concerne la componentistica di moto e scooter.
Anche nelle due ruote - ha precisato Gabriele Allievi, AD di Bosch Italia - ''l'obiettivo di Bosch è eliminare dalla mobilità del futuro gli incidenti, lo stress e le emissioni, esattamente come nelle auto''. Una visione della sicurezza alla guida sempre in evoluzione che può arrivare soprattutto dalla connettività applicata anche a moto, scooter ed e-bike . Parliamo della prevenzione degli incidenti attraverso sistemi in grado di connettere i motociclisti con altri veicoli, con le infrastrutture e con tutti gli altri utenti della strada. Tra queste innovazioni tecnologiche troviamo lo scudo digitale, strumento di ultima generazione che permette alle moto e alle auto di scambiare informazioni fra di loro. Molto prima che i guidatori delle auto notino la presenza di una moto, questa tecnologia li informa che se ne sta avvicinando una, consentendo di adottare preventivamente una strategia di guida adeguata. 



Articoli correlati

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA DEL CARBURANTE


01/07/2019

Fatturazione elettronica del Carburante,obbligo dall'ultima legg di bilancio ............


Leggi


Da Toyota arriva e-Palette, vettura che diventa furgone o negozio...


10/01/2018

Totalmente elettrico ed a guida autonoma, vuole ridisegnare il concetto di business

Al CES di Las Vegas sono sempre tante le novità. ...


Leggi


Auto futuristiche: sempre più vicini grazie a ricerche del Mit


09/01/2018

L'italiano Valerio Varricchio tra i protagonisti delle ricerche sulla guida autonoma

Le auto sono sempre più futuristiche ed un contributo importante in questo senso lo sta dando anche l'italiano Valerio Varricchio che collabora da tempo ad una ricerca presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit). ...


Leggi