• /
  • news
  • /
  • Toyota presenta il suo piano per ridurre le emissioni a zero in Europa

Toyota presenta il suo piano per ridurre le emissioni a zero in Europa


Tags: Elettrica

L'azienda giapponese ha tenuto in questi giorni il Kenshiki Forum 2021 dove ha presentato il suo piano per ridurre al 100% i livelli di emissioni di CO2. Un obiettivo che sperano di raggiungere nel 2035.

Nei giorni scorsi Toyota Motor Europe ha presentato i suoi piani di medio-lungo termine durante il Kenshiki Forum 2021. In questo evento, hanno mostrato il loro impegno per la riduzione delle emissioni di carbonio attraverso l'implementazione di una gamma completa di veicoli a emissioni zero. 


I manager e gli amministratori dell'azienda giapponese hanno spiegato quale sarà la strategia da seguire per raggiungere quanto prima l'obiettivo. 

Durante i prossimi anni, vogliono offrire ai propri clienti una gamma più ampia e diversificata di motori a zero emissioni. L'idea principale è quella di mettere in vendita veicoli pratici e convenienti. Il primo lancio in tal senso sará quello della Toyota bZ4X elettrica, mentre entro il 2030 si prevede già che la vendita di veicoli a emissioni zero rappresenterà almeno il 50% del totale in Europa occidentale.


Una volta superato il traguardo del 2030, il marchio prevede che la domanda totale di veicoli ZEV (Zero Emission Vehicles) accelererà in modo sistematico, quindi il piano di Toyota è di ridurre a zero le emissioni di carbonio dell'intera gamma di veicoli entro il 2035. 

Nella Toyota sono consapevoli della diversità di mercati e clienti nel mondo, per questo motivo la loro opzione più chiara per iniziare a ridurre le emissioni di carbonio da oggi sarà quella di ricorrere a un importante dispiegamento tecnologico di motori e meccanica, che include ibridi elettrici, ibridi plug-in, elettrici a batteria ed elettrici a celle a combustibile. Saranno tutti disponibili per ciascuno dei clienti interessati ed inoltre contribuiranno a migliorare la qualità dell'aria attraverso una significativa riduzione totale delle loro emissioni.


Durante la celebrazione del Kenshiki Forum 2021, il vicepresidente di Toyota Europe ha offerto maggiori dettagli su come sperano di ridurre fino al 50% il costo delle batterie per veicolo, senza influire direttamente sull'autonomia del veicolo stesso o sulla sua affidabilità e durata. Ciò sarà supportato attraverso lo sviluppo della nuova batteria bipolare NiMh che utilizza minerali meno preziosi, ha un costo di ottenimento e fabbricazione inferiore e allo stesso tempo è in grado di generare una densità di energia doppia rispetto a una standard batteria agli ioni di litio.


Questa potrebbe essere la svolta per poter lanciare auto elettriche più convenienti e accessibili per il grande pubblico. 

Nell'ambito del forum tenutosi sono state presentate anche novità come la nuova Toyota Corolla Cross o la Toyota Yaris GR Sport, modelli che daranno un ulteriore impulso alle vendite di veicoli ibridi per il marchio. Toyota Europe prevede di concludere il 2021 con un totale di 1,07 milioni di veicoli consegnati, una cifra che rappresenterebbe un aumento del 6,3% rispetto allo scorso anno. 



Articoli correlati

Incendi di auto elettriche e i dubbi sul loro futuro


02/12/2022

Aumentano i malfunzionamenti di veicoli elettrici e le testimonianze di incendi nei notiziari. Questi eventi, sebbene rari, si aggiungono alla disinformazione generale che potrebbe portare ad un rallentamento delle vendite e quindi ad un ulteriore stop alla transizione ecologica. Ma quanto c'è di vero?

Aumentano i malfunzionamenti di veicoli elettrici e le testimonianze di incendi nei notiziari. Questi eventi, sebbene rari, si aggiungono alla disinformazione generale che potrebbe portare ad un rallentamento delle vendite e quindi ad un ulteriore stop alla transizione ecologica....


Leggi


Aumento del costo della ricarica: c'è ancora convenienza?


28/10/2022

Nei siti di informazione dilagano ricerche sulla effettiva convenienza della ricarica di auto elettriche con rincari dell'elettricità che a detta delle ricerche raggiungono il 160%. Qual è la verità sull'effettivo svantaggio e cosa può cambiare?

Nei siti di informazione dilagano ricerche sulla effettiva convenienza della ricarica di auto elettriche con rincari dell'elettricità che a detta delle ricerche raggiungono il 160%. Qual è la verità sull'effettivo svantaggio e cosa può cambiare?...


Leggi


Retrofit elettrico tra gli incentivi: di cosa si tratta?


21/10/2022

La conversione dell'auto in elettrico è una tecnica in fase di diffusione e in costante miglioramento. Con l'inclusione di questo nuovo servizio tra gli incentivi, sarà forse un'innovazione determinante per un traffico più ecologico?

La conversione dell'auto in elettrico è una tecnica in fase di diffusione e in costante miglioramento. Con l'inclusione di questo nuovo servizio tra gli incentivi, sarà forse un'innovazione determinante per un traffico più ecologico?...


Leggi