• /
  • news
  • /
  • Procede iter per introdurre divieto mezzi motore nei boschi

Procede iter per introdurre divieto mezzi motore nei boschi


Tags: Curiosità

Ancma sottolinea rischi per il settore due ruote fuoristrada

E' stato approvato l'emendamento che dovrebbe introdurre nel Codice della Strada il divieto per i mezzi motorizzati di percorrere sentieri boschivi. A farlo è stata la Commissione Trasporti della Camera, che si è presa tutte le lamentele da parte dell'Ancma, il ramo di Confindustria che tutela le aziende costruttrici di veicoli a 2 o 3 ruote. Nella nota dell'Ancma emerge la perplessità della Federazione Motociclistica Italiana che allerta sulla possibilità che ilindotto legato alle moto fuoristrada possa subire una drastica ripercussione alla luce dell'emendamento. Un mecato da 117 Milioni di euro, 8% del mercato nazionale a 2 ruote, che rischia di essere messo ko nel caso in cui l'emendamento arrivi ad iter legislativo. 
Nel 2016 sono state vendute circa 10.000 moto per uso fuoristrada (+ 53% rispetto ai due anni precedenti), alle quali bisogna però aggiungere circa 5.000 veicoli non immatricolati perché destinati a essere utilizzati in modo esclusivo in aree non soggette a pubblico passaggio.
''Non è chiaro il motivo per cui la Commissione Trasporti della Camera abbia deciso di approvare una misura così drastica e restrittiva della libertà personale - ha dichiarato Corrado Capelli, presidente di Confindustria Ancma - della quale valuteremo anche eventuali profili di incostituzionalità. Il settore dell'off-road è forse tra quelli più rigidamente disciplinati a livello locale, proprio perché è nell'interesse delle amministrazioni periferiche promuovere la pratica del fuoristrada, che porta ricchezza al territorio, senza pregiudicare la sicurezza e il benessere di quanti preferiscono percorrere i sentieri a piedi o con mezzi non motorizzati.
Quello che manca, semmai, è una normativa nazionale che coordini e armonizzi le regolamentazioni adottate a livello locale.
Inoltre - conclude Capelli - non ci risulta a oggi che tale attività abbia provocato significativi problemi o danni al territorio o abbia messo in pericolo o a rischio l'incolumità delle persone. Proprio per questo non comprendiamo la necessità di intervenire, imponendo limitazioni e veti, in una materia di questo tipo''.



Articoli correlati

La crisi dei mezzi di trasporto pubblici con il covid


22/07/2021

Gli italiani sono diffidenti nei confronti dell'uso del trasporto pubblico con la pandemia e sono inclini a utilizzare la propria auto come mezzo di trasporto preferito per i loro viaggi.

Con la pandemia l'utilizzo dei mezzi pubblici diminuisce, aumenta invece l'uso di macchine proprie e a noleggio....


Leggi


1000 Miglia 2021: torna da mercoledì 16 a sabato 19 giugno


15/06/2021

Il 16 giugno 2021 prenderà il via la 39° edizione commemorativa della “Freccia Rossa”, “la corsa più bella del mondo”, secondo la celebre definizione di Enzo Ferrari, che partirà da Brescia e tornerà il 19 giugno, dopo aver visitato alcune delle borghi più suggestivi d'Italia.

Il 16 giugno si dará il via alla Mille miglia, la corsa piú bella del mondo...


Leggi


L'effetto degli incentivi auto: a settembre +9.5% per il mercato


04/12/2020

In ripresa il mercato dell'auto e ciò grazie alla norma contenuta nel Decreto Rilancio

Analisi del centro studi Promoter: il merito è della norma contenuta nel Decreto Rilancio....


Leggi