• /
  • news
  • /
  • I piani dell'Europa per ridurre le emissioni di auto e trasporti

I piani dell'Europa per ridurre le emissioni di auto e trasporti


Tags: Inquinamento

Produttori e fornitori propongono misure efficaci oltre l'elettrificazione per raggiungere gli obiettivi fissati per il 2050.

La riduzione degli effetti negativi dei trasporti è uno dei principali obiettivi politici dell'UE. Le principali linee d'azione consistono nello spostare i trasporti verso modalità meno inquinanti e più efficienti, utilizzando tecnologie di trasporto, combustibili e infrastrutture più sostenibili e garantendo che i prezzi dei trasporti riflettano pienamente gli effetti negativi sull'ambiente e sulla salute.


La strategia della Commissione Europea mira a tracciare la rotta per la transizione verso 'emissioni nette zero' di gas serra nell'UE nel suo insieme entro il 2050. Per quanto riguarda i trasporti, si sottolinea l'importanza della transizione a basse emissioni modalità di carbonio e veicoli a emissioni zero, il ruolo centrale dell'elettrificazione e delle fonti di energia rinnovabile e la necessitá di miglioramenti dell'efficienza operativa.

Il pacchetto di misure mira a conseguire una riduzione delle emissioni nette di gas serra entro il 2030 di almeno il 55% rispetto ai livelli del 1990. La Commissione ritiene che tale riduzione delle emissioni sia fondamentale per poter rispettare il "Green Deal europeo", e fare dell'Europa entro il 2050 il primo continente al mondo a impatto climatico zero.



Per quanto riguarda le autovetture e i veicoli commerciali leggeri, propone che dal 2035 tutte le auto nuove vendute in Europa non emettano CO2. Questo potrebbe significare un divieto di fatto alla vendita di auto con motore a combustione interna, dal momento che tutte le auto nuove immatricolate dopo il 2035 saranno a emissioni zero.


La legislazione deve fissare obiettivi realistici e raggiungibili, garantire una concorrenza leale nel mercato e consentire il prevalere delle soluzioni più efficienti. Questo processo di transizione deve essere effettuato progressivamente e deve avere l'intera gamma di tecnologie di propulsione, non limitandosi all'elettrificazione richiesta e considerando più opzioni.

Ciò implica includere miglioramenti dell'efficienza dei motori a combustione interna e il loro adattamento a combustibili rinnovabili ea basse emissioni di carbonio (idrogeno, biocarburanti e combustibili sintetici). Così come l'elettrificazione (con batteria o cella a combustibile) e i diversi gradi di ibridazione, offrendo diverse soluzioni adatte a ogni esigenza.


Invece di regolamentare una fine per il motore a combustione interna nei veicoli che arrivano sul mercato, è necessaria una graduale eliminazione dei combustibili fossili, incoraggiando l'apporto di combustibili rinnovabili e a basse emissioni di carbonio che consentono di ridurre le emissioni. nuovi veicoli, ma anche dalla flotta esistente.

 

Oltre all'inquinamento e alle emissioni di CO2 generate dai veicoli privati ??a combustione, la Commissione Europea prevede anche azioni nel campo dei trasporti, sia stradali, aerei e marittimi.

Per quanto riguarda il trasporto marittimo e aereo il programma propone l'introduzione di tasse sulle importazioni inquinanti, che verrebbero gestite attraverso l'EU Emission Rights Trading Regime (ETS).


Inoltre, la legislazione dell'UE affronta direttamente gli effetti dei trasporti sull'ambiente e sulla salute stabilendo norme vincolanti. Questi standard includono limiti di emissione per auto, furgoni, camion e autobus, requisiti specifici per i carburanti per il trasporto, nonché mappe acustiche e piani d'azione per la gestione del rumore per le grandi infrastrutture di trasporto, come gli aeroporti.


I trasporti consumano un terzo di tutta l'energia finale nell'UE. La maggior parte di questa energia proviene dal petrolio, il che significa che i trasporti sono responsabili di gran parte delle emissioni di gas serra dell'UE e contribuiscono in modo significativo al cambiamento climatico. Mentre la maggior parte degli altri settori economici, ad esempio la produzione di energia e l'industria, hanno ridotto le proprie emissioni dal 1990, le emissioni dei trasporti sono aumentate. Attualmente, queste rappresentano più di un quarto delle emissioni totali di gas serra nell'UE. 



Articoli correlati

Il potenziale futuro dei veicoli a idrogeno


28/09/2022

Le auto con celle a combustione sono spesso oggetto di critica nell'industria automobilistica, e il loro sviluppo è stato notoriamente messo da parte per molti anni. Ma come può una vettura a idrogeno sorpassare la diffusione dell'elettrico ed avere una maggiore speranza di distribuzione in un futuro prossimo?

Le auto con celle a combustione sono spesso oggetto di critica nell'industria automobilistica, e il loro sviluppo è stato notoriamente messo da parte per molti anni. Ma come può una vettura a idrogeno sorpassare la diffusione dell'elettrico ed avere una maggiore speranza di...


Leggi


Il carburante sintetico potrà rimpiazzare l'elettrico?


31/08/2022

Carburante sintetico: cos'è e come può diventare una valida alternativa alle auto elettriche per il futuro?

Carburante sintetico: sviluppo e confronto con l'elettrico....


Leggi


Il vero inquinamento delle auto elettriche


27/07/2022

Le auto elettriche sono veramente meno inquinanti delle controparti a combustione? In questo articolo di autonoleggio.it verranno esposti i dati di produzione delle materie prime fino alla contaminazione dell'ambiente dopo la messa su strada, così come dopo, con lo smantellamento dei componenti.

Auto elettriche: produzione e inquinamento....


Leggi