• /
  • news
  • /
  • Automobilista italiano: predica bene ma razzola male

Automobilista italiano: predica bene ma razzola male


Tags: Curiosità

Indagine Quixa rivela le violazioni del codice stradale da parte dei guidatori italiani

A parole son tutti bravi. Nei fatti invece è tutto da dimostrare. E per quanto riguarda il codice della strada, gli italiani predicano bene ma razzolano decisamente male. Ne è prova il risultato di una ricerca condotta dall'Istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research per conto di Quixa, specialista i polizze assicurative online. 
La ricerca si chiama 'Stetoscopio - Il sentire degli assicurati italiani' e si rivolge agli italiani chiedendo loro cosa ne pensano sul rispetto delle norme stradali. Ne risulta che oltre i due terzi degli intervistati si dicono ligi al codice della strada, ma la percentuale diminuisce in proporzione all'età dei guidatori. Infatti almeno il 35 % dei ragazzi fra i 18 e i 44 anni afferma di aver violato almeno una volta le norme stradali. 
Nel dettaglio, emerge che almeno la metà supera i limiti di velocità (51%) o viaggia sul sedile posteriore senza allacciare la cintura (50%). Quattro automobilisti su 10 (42%) non rispettano le distanze di sicurezza. Il 41% degli italiani, inoltre, confessa di non seguire sempre in maniera corretta le norme prescritte per trasportare i bambini. Si attesta intorno al 30% il parcheggio fuori dagli spazi consentiti, che può creare disagio o rischio per la circolazione, mentre l'uso del telefonino senza vivavoce o auricolare viene ammesso solo dal 23,5% degli italiani.
Inoltre il 23% degli intervistati confessa di sorpassare dove non è consentito, mentre il 17% viaggia senza cintura allacciata sui sedili anteriori.
Il rischio alla guida sembra essere una prerogativa più maschile e diffusa tra i giovani rispetto alle donne che sembrano più rispettose del codice stradale.
Anche la geografia dello Stivale sembra determinare i comportamenti al volante. Al Nord si esagera di più con la velocità: lo ammette circa il 60% degli intervistati settentrionali contro il 51% del Centro e il 39% del Sud. La seconda infrazione più commessa è il mancato rispetto della distanza di sicurezza (46% al Nord Ovest e 41% al Nord Est). Al Centro e al Sud è più comune viaggiare senza cintura di sicurezza: quando si viaggia sul sedile posteriore è un comportamento attuato rispettivamente dal 56% e 57% dei cittadini di queste aree, contro il 40% circa del Nord.
Una differenza che si evidenzia anche quando ci si trova sul sedile anteriore: il 23% degli intervistati nelle regioni centrali e meridionali, contro il 13% del Nord Ovest e il 7% del Nord Est.



Articoli correlati

L'effetto degli incentivi auto: a settembre +9.5% per il mercato


04/12/2020

In ripresa il mercato dell'auto e ciò grazie alla norma contenuta nel Decreto Rilancio

Analisi del centro studi Promoter: il merito è della norma contenuta nel Decreto Rilancio....


Leggi


Bollo auto, facciamo chiarezza: come evitare le multe?


23/11/2020

Siamo a ridosso del bollo auto, come si devde comportare chi noleggia un veicolo a lungo termine?

Siamo a ridosso della fine dell'anno e proprio in questo periodo si percepisce un grandissimo caos inerentemente al pagamento della tassa di proprietà, ancor più nota come bollo auto....


Leggi


Catene da neve o pneumatici invernali?


17/11/2020

In gran parte delle provincie italiane con l’approssimarsi della stagione invernale si avvicina anche il tempo dell’obbligatorietà di montare pneumatici invernali o catene da neve.

E’ tornato inesorabile l’inverno e per gli automobilisti si ripresentano i quesiti inerenti alle norme che obbligano all’uso di catene da neve o pneumatici invernali....


Leggi