• /
  • news
  • /
  • Automobilista italiano: predica bene ma razzola male

Automobilista italiano: predica bene ma razzola male


Tags: Curiosità

Indagine Quixa rivela le violazioni del codice stradale da parte dei guidatori italiani

A parole son tutti bravi. Nei fatti invece è tutto da dimostrare. E per quanto riguarda il codice della strada, gli italiani predicano bene ma razzolano decisamente male. Ne è prova il risultato di una ricerca condotta dall'Istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research per conto di Quixa, specialista i polizze assicurative online. 
La ricerca si chiama 'Stetoscopio - Il sentire degli assicurati italiani' e si rivolge agli italiani chiedendo loro cosa ne pensano sul rispetto delle norme stradali. Ne risulta che oltre i due terzi degli intervistati si dicono ligi al codice della strada, ma la percentuale diminuisce in proporzione all'età dei guidatori. Infatti almeno il 35 % dei ragazzi fra i 18 e i 44 anni afferma di aver violato almeno una volta le norme stradali. 
Nel dettaglio, emerge che almeno la metà supera i limiti di velocità (51%) o viaggia sul sedile posteriore senza allacciare la cintura (50%). Quattro automobilisti su 10 (42%) non rispettano le distanze di sicurezza. Il 41% degli italiani, inoltre, confessa di non seguire sempre in maniera corretta le norme prescritte per trasportare i bambini. Si attesta intorno al 30% il parcheggio fuori dagli spazi consentiti, che può creare disagio o rischio per la circolazione, mentre l'uso del telefonino senza vivavoce o auricolare viene ammesso solo dal 23,5% degli italiani.
Inoltre il 23% degli intervistati confessa di sorpassare dove non è consentito, mentre il 17% viaggia senza cintura allacciata sui sedili anteriori.
Il rischio alla guida sembra essere una prerogativa più maschile e diffusa tra i giovani rispetto alle donne che sembrano più rispettose del codice stradale.
Anche la geografia dello Stivale sembra determinare i comportamenti al volante. Al Nord si esagera di più con la velocità: lo ammette circa il 60% degli intervistati settentrionali contro il 51% del Centro e il 39% del Sud. La seconda infrazione più commessa è il mancato rispetto della distanza di sicurezza (46% al Nord Ovest e 41% al Nord Est). Al Centro e al Sud è più comune viaggiare senza cintura di sicurezza: quando si viaggia sul sedile posteriore è un comportamento attuato rispettivamente dal 56% e 57% dei cittadini di queste aree, contro il 40% circa del Nord.
Una differenza che si evidenzia anche quando ci si trova sul sedile anteriore: il 23% degli intervistati nelle regioni centrali e meridionali, contro il 13% del Nord Ovest e il 7% del Nord Est.



Articoli correlati

Da Toyota arriva e-Palette, vettura che diventa furgone o negozio...


10/01/2018

Totalmente elettrico ed a guida autonoma, vuole ridisegnare il concetto di business

Al CES di Las Vegas sono sempre tante le novità. ...


Leggi


Auto futuristiche: sempre più vicini grazie a ricerche del Mit


09/01/2018

L'italiano Valerio Varricchio tra i protagonisti delle ricerche sulla guida autonoma

Le auto sono sempre più futuristiche ed un contributo importante in questo senso lo sta dando anche l'italiano Valerio Varricchio che collabora da tempo ad una ricerca presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit). ...


Leggi


Polizia tedesca presto alla guida della Volskwagen Golf 400R


08/01/2018

Elaborata da Oettinger, tocca i 310 km/h di velocità

Grazie al contributo di Oettinger, la polizia tedesca potrà dotarsi di un vero e proprio bolide per rincorrere i furfanti. Stiamo parlando della Volskwagen Golf 400R, potenziata da alcune migliorie e in grado di arrivare da 0 a 100 km/h in poco meno di 4 secondi....


Leggi